Associazione Culturale Annapurna
Ginnastica e Yoga da 0 a 90 anni

I consigli di Maria

Ogni settimana impareremo una posizione Yoga = Asana. Cominciando dalle più semplici e via via alle più impegnative.
Prima di iniziare il vostro lavoro seguite queste istruzioni.

  1. Pratica, se puoi, sempre alla stessa ora in un luogo pulito e silenzioso e ben arieggiato. Quando ti è possibile, esegui la tua pratica all'aperto, vicino ai fiumi o all'acqua o sulla riva del mare.
  2. Se ti è possibile esegui le Asanas il mattino presto, prima di andare al lavoro. I benefici si prolungheranno per tutta la giornata, ma se questo non è comodo, trova un momento adatto per le tue esigenze.
  3. Ricorda che le Asanas devono essere fatte a stomaco vuoto o lontano dai pasti (3 o 4 ore dopo aver mangiato).
  4. E' molto importante la regolarità per ottenere veramente molti benefici. E' una fatica premiata.
  5. Indossa indumenti larghi, comodi e caldi.
  6. Esegui le Asanas su un tappetino o su una coperta.
  7. Quando pratichi togli gli occhiali, lenti a contatto, orecchini, collane, bracciali. Il corpo deve essere libero, ben coperto senza ornamenti, i capelli legati.
  8. Accendi un incenso che aiuterà a purificare l'ambiente.
  9. Inizia la tua pratica con mente e corpo rilassati. Lo Yoga ti aiuta a combattere pessimismo, depressione, rabbia, paura ed a coltivare, l'ottimismo, l'allegria, la fiducia, la serenità, per ottenere salute, lunga vita, giovinezza.
  10. Non avere fretta.
  11. Respira sempre dal naso. Gli Yogi insegnano "il naso per respirare e la bocca per mangiare". Inspira lentamente, breve pausa, espira lento e lungo, breve pausa.
    "Se la mente è calma anche il corpo è calmo, se la mente è agitata, anche il corpo è agitato. Quando il respiro è agitato la mente è instabile. Ma quando si acquieta anche la mente trova la sua pace". Hatha Yoga Pradipika
  12. Tieni i muscoli del viso, del collo, delle spalle, del petto, dell'addome rilassati.
  13. Pratica le Asanas all'inizio per pochi secondi, poi aumenta via via, senza mai movimenti rapidi o scatti.
  14. Esegui gli esercizi con lentezza, uniformità, fermezza. Nelle pose finali sii stabile.
  15. Tra una posizione e l'altra, se faticosa, fai Savasana = breve rilassamento a terra.
  16. Sii saggio ed usa sempre il  buon senso.
    "Nulla in questo mondo purifica come la saggezza. Colui che è perfezionato dallo Yoga per tempo la trova in sé e da se stesso" Bhagavad Gita
  17. Tieni la mente concentrata su quello che stai facendo ed apri il corpo al respiro.
  18. Dopo la pratica (Asanas, Pranayama, Meditazione) lascia passare mezz'ora prima di fare un'abbondante colazione o il bagno.
  19. Finisci la tua seduta con 10 minuti di meditazione o rilassamento.
  20. Ricorda che lo Yoga fa economizzare il tempo. Quello che prendi per te, lo ritroverai. Lo Yoga ti insegna infatti a risolvere le azioni con il minimo sforzo ed il massimo rendimento. La tua mente diventa veloce e calma.

I consigli di GENNAIO

I consigli di FEBBRAIO

I consigli di MARZO

I consigli di APRILE

I consigli di MAGGIO

I consigli di GIUGNO

I consigli di LUGLIO

I consigli di AGOSTO

I consigli di SETTEMBRE

I consigli di OTTOBRE

I consigli di NOVEMBRE

I consigli di DICEMBRE

 

Anantasana - Posizione di Ananta

Ananta è uno dei nomi di Visnu ed è anche quello del suo giaciglio, il serpente Sesa. Secondo la mitologia Indù, Visnu dorme nell’oceano primevo sul suo giaciglio Sesa, il serpente con 100 teste. Durante il suo sonno un loto cresce dal suo ombelico. Da quel loto nasce il creatore Brahma, che creò il mondo. Dopo la creazione, Visnu si risveglia per regnare nel cielo più alto, Vaikuntha. La posizione fu scoperta nel tempio dedicato al Signore Ananta Padmanabha (Padma = loto, nabha = ombelico) di Trivandrum nell’India del sud.

Francesca, Maddalena e Ornella la eseguono in palestra.
Tecnica = Partite dalla posizione di Buddha coricati sul fianco destro, quindi inspirando portate il piede sinistro oltre il ginocchio destro, ginocchio sinistro verso l’alto, la mano sinistra prende l’alluce sinistro. Espirando allungare la gamba sinistra verso l’alto e stirare tutta la muscolatura. Se la gamba rimane troppo piegata potete prendere la caviglia o addirittura il polpaccio. Rimanere mezzo minuto in questa posizione poi ritornare nella posizione di Buddha e quindi restate coricati sul dorso per un minuto. Ripetete sul fianco sinistro.
Benefici = Questa è un’ottima posizione per la circolazione delle gambe, per l’elasticità della muscolatura, degli arti inferiori e del bacino. Anche il mal di schiena riceve benefici e la colonna vertebrale in questa posizione si allunga e riposa.

Per ulteriori informazioni associazione@annapurna.it


Torna alla pagina iniziale Vai a Attività dell'Associazione Vai a Maestri Indiani Vai a Seminari Vai a Annapurna