Associazione Culturale Annapurna
Ginnastica e Yoga da 0 a 90 anni

I consigli di GIUGNO

Virabhadrasana 2 - esercizio dell’eroe Virabhadra 2

Andrea e Marisa la eseguono in palestra.
Tecnica = La tecnica è la stessa della 1 ma le braccia vengono tenute a livello delle spalle, palmi delle mani in giù ed il viso rivolto a destra, dalla parte del ginocchio piegato.
Benefici = Sono gli stessi di Virabhadrasana 1

 

Virabhadrasana 3 - esercizio dell’eroe Virabhadra 3

Questa posizione è più intensa di 1 e 2.

virab3_1.jpg (13291 byte)

Andrea la esegue in palestra.
Tecnica = Portarsi in posizione di Virabhadrasana 2 poi espirando portare il braccio sinistro parallelo al destro flettendo leggermente il busto verso la coscia destra. Dopo aver inspirato allungare busto e braccia alzando contemporaneamente la gamba sinistra mentre la destra si raddrizza. Braccia, schiena e gamba sinistra devono essere paralleli al pavimento, la gamba destra perpendicolare. Dovete avere la sensazione che qualcuno vi tiri le braccia allungate in avanti e la gamba sollevata indietro. Rimanere nella posizione da pochi secondi a mezzo minuto poi ritornare nella posizione 2 e quindi in Tadasana. Ripetere con calma dal lato opposto.
Benefici = Questa è una posizione di grande equilibrio e stabilità. Dona armonia, elasticità, potenza muscolare e concentrazione della mente. Tutti i muscoli vengono tirati e la colonna vertebrale allungata ed elasticizzata; migliora il portamento e la statica del corpo.

 

Ardha Chandrasana - posizione della mezza luna

Ardha = metà                             Chandra = luna

Andrea lo esegue in modo semplice e corretto.
Tecnica = Partite da Tadasana e andate in Utthita Trikonasana. Da questa posizione portate la mano destra leggermente più avanti del piede destro ed il piede sinistro fatelo scorrere verso il piede destro portando il braccio sinistro allungato sulla coscia sinistra. Dopo aver inspirato, espirando sollevate la gamba sinistra. Tendete la destra ed allungate anche il braccio destro. Cercate l’equilibrio in questa posizione tenendo il peso del corpo sulla gamba destra tesa, il braccio destro regola l’equilibrio, non l’appoggio. Le prime volte potete rimanere in equilibrio guardando terra, poi provate ad aprire bene il busto verso sinistra aprendo bene le spalle ed i fianchi. Rimanete in posizione 10-30 sec. poi, espirando, far scivolare la gamba sinistra verso il pavimento e tornate in posizione Utthita Trikonasana e quindi in Tadasana.
Benefici = Questa posizione da forza e vigore alle gambe ed alla colonna vertebrale. Dona equilibrio, stimola i nervi, rafforza le ginocchia. Ha bisogno di allenamento, ognuno deve eseguirla con calma secondo le proprie possibilità.

 

Utthita Hasta Padangustasana – Posizione estesa della mano e dell’alluce

Utthita = esteso            Hasta = mano                 Padangusta = alluce

utthi4_2.jpg (11365 byte)

Lucia la esegue frontalmente e più impegnativa, lateralmente
Tecnica = Partire da Tadasana, inspirando flettere la gamba destra e prendere l’alluce con la mano destra tenendolo tra il pollice, l’indice ed il medio. Espirando allungare la gamba destra in avanti il più possibile tesa. Mantenere per qualche secondo respirando normalmente ed equilibrando il corpo con il braccio sinistro o in fuori o piegato con la mano al fianco. Ritornare in posizione 2 e quindi in Tadasana. Ripetere dalla parte sinistra. La posizione si può eseguire con la stessa tecnica anche lateralmente.
Benefici = Questa  posizione migliora l’equilibrio e la concentrazione della mente, rende le gambe forti, elastiche, e i piedi stabili.

 

I consigli di LUGLIO

 

Per ulteriori informazioni associazione@annapurna.it


Vai ai Consigli di Maria