Associazione Culturale Annapurna
Ginnastica e Yoga da 0 a 90 anni

I consigli di MARZO

Natarajasana - Posizione di Shiva, Signore della danza

Nata = danzatore                 Raja = signore                 Asana = posizione
E' il nome di Shiva re della danza e signore dello Yoga


Petra la esegue a Villeret (Svizzera) e Maria e Mavi la eseguono in palestra durante la settimana Yoga a Villeret, mentre Franca, al centro esegue l'albero.
Tecnica = Partite dalla posizione Tadasana, portate il braccio destro in avanti ed in alto; con il braccio sinistro prendete il piede sinistro e portatelo vicino al gluteo. State in equilibrio ed espirando portate in alto ed indietro la gamba sinistra. Respirate dolcemente e fermatevi nella posizione da mezzo minuto ad un tempo più lungo. Ritornate in Tadasana e ripetete dall'altra parte.
Benefici = Questa bella posizione dà calma e buon portamento. Rinforza i muscoli delle gambe, migliora l'elasticità della colonna vertebrale, espande il torace. Dona un senso di benessere, leggerezza e grazia. Come Shiva danza sulle montagne dell'Himalaya che sono le sue dimore, così danzate con leggerezza nella vostra vita e nella vostra giornata.

 

Prasarita  padottanasana - posizione delle gambe allungate

Prasarita = esteso, allungato       Pada = piede     Tan = tendere, allungare

Maria la esegue in palestra nella maniera più avanzata.
Tecnica = Partendo dalla posizione Tadasana, divaricate le gambe di circa 1 metro e mezzo. Espirando flettete il busto avanti e poggiate le mani a terra, tendendo bene la schiena e con la testa sollevata. Alcune si potranno fermare qua e lavorare con calma questo esercizio per qualche tempo. Chi avrà scioltezza articolare ed elasticità muscolare, potrà approfondire la posizione, piegando i gomiti e poggiando la testa a terra. Importante è tenere il peso del corpo sulle gambe e non gravare sul capo. Le mani, nella posizione più avanzata, possono andare in vita, gomiti in fuori, oppure dietro le scapole in posizione di preghiera. Restate in questa posizione circa mezzo minuto poi appoggiate le mani a terra, raddrizzate le braccia, alzate il capo e ritornate nella posizione di partenza.
Benefici = Questa  posizione lavora ed elasticizza i muscoli abduttori ed adduttori, viene ossigenato il capo e lavorate le articolazioni delle caviglie. E' una posizione digestiva e toglie la fatica alla mente.

 

Ardha Kusumasana e  Kusumasana - Posizione del fiore chiuso e del fiore aperto

Kusuma = fiore                 Ardha = parziale, non sbocciato                 Asana = posizione


Yori le esegue in palestra.
Tecnica = Queste due semplici posizioni possono essere eseguite come un pranayama espirando mi chiudo ed inspirando mi apre, seguendo il ritmo del mio respiro.
Oppure posso eseguirle singolarmente: nel fiore chiuso parto da seduta piedi uniti e ginocchia aperte. Metto le mani sulla spalla opposta, fletto il busto in avanti e mi chiudo tra le ginocchia abbassando la testa. Immagino di essere un fiore di loto che al tramonto si chiude. Così mi raccolgo in me stessa e riposo. Nella posizione del fiore aperto il busto si solleva, la testa guarda il cielo, i gomiti vanno sulle ginocchia e le palme delle mani in fuori, dita aperte. Immagino di caricarmi con la luce del sole e di riempire il mio corpo di energia. Come il fiore di loto, benché nasca nel fango, si purifica nell'acqua e sboccia luminoso nell'aria, così io immagino che la disciplina dello Yoga e l'energia del sole renda il mio corpo forte e luminoso.

Benefici = Questi esercizi rendono il bacino più elastico e portano buona circolazione ed energia alla parte genitale ed addominale. Inoltre danno calma e serenità alla mente.

 

Navasana - Posizione della barca

Nava = barca                Asana = posizione

Nicoletta la esegue in palestra, Elena ai Caraibi e  Luca con un bel angolo retto.
Tecnica = Imparate prima qualche posizione preparatoria di equilibrio sul bacino con gambe flesse e giocando un pò sull'equilibrio: allungando una gamba tesa e restando qualche secondo in equilibrio poi l'altra, poi tornare a gambe flesse. Dopo aver fatto gli esercizi di equilibrio partite da sedute, gambe tese avanti o sedute gambe flesse al petto, piedi sollevati, in equilibrio sul bacino. Con una inspirazione prendete la posizione e tenetela 20 secondi respirando normalmente. Non indurite le cosce e lasciate tremare i muscoli. Con l'allenamento arrivate a tenere la posizione fino a 2 minuti. potete portare le braccia in fuori, in alto o in avanti. I piedi possono essere  più in basso della testa o più in alto (Paripurna Navasana) o sulla stessa linea (Ardha Navasana).
Benefici = Questa posizione  migliora i disturbi gastrici eliminando i gas interni, tonifica la parete addominale ed i reni. Riduce l'adipe intorno ai fianchi e migliora la circolazione delle gambe.

 

I consigli di APRILE

 

Per ulteriori informazioni associazione@annapurna.it


Vai ai Consigli di Maria